Indagini termografiche

La metodologia sfrutta la capacità di alcuni sensori di rivelare l'intensità della radiazione infrarossa dello spettro elettromagnetico. Secondo la legge di Kirchhoff il rapporto tra la potenza di radiazione elettromagnetica emessa da un corpo e la potenza assorbita è, per unità di superficie, funzione della lunghezza d’onda emessa e della temperatura (che è detta “potere emissivo del corpo nero”). Per temperature inferiori a quella di fusione del ferro, la potenza emessa da un corpo è costituita in massima parte da radiazione infrarossa (Legge di Wien), di conseguenza una videocamera sensibile a questa parte dello spettro elettromagnetico permette di distinguere regioni dello spazio che si trovano a temperature diverse, in quanto costituite da materiali diversi e/o in quanto aventi un differente contenuto d’umidità. L’immagine rilevata da una termocamera non è unicamente dipendente dalla temperatura degli oggetti ma è anche determinata dalla radiazione originata dall'ambiente circostante che viene riflessa sull'oggetto e dalla radiazione riflessa da parte dell’atmosfera. Nella maggior parte dei casi la termografia viene utilizzata per una prima mappatura delle zone caratterizzate da anomalie superficiali, sulle quali poi eventualmente effettuare indagini più approfondite in grado di esaminare il mezzo in profondità.

microscopio elettronico

Termografia dell'intradosso di una trave in c.a. in prossimità di un condotto di aria calda

microscopio ottico

Immagine nel visibile dell'intradosso della suddetta trave

bordi dei grani

Termografia della facciata di un edificio in muratura portante. Si può notare una chiusura muraria.

bordi dei grani

Immagine nel visibile della suddetta facciata.

Temas S.r.l. - Via Milano, 83 - 64023 Mosciano S.Angelo (TE) - P.IVA. 01742770678 - Tel./Fax. 0859462171 - info@temaslab.it
Cellulari: 3471110274 - 3480552275