Prove e controlli su edifici in cemento armato

La definizione dei modelli di capacità per il rinforzo di elementi in cemento armato è preceduta da una fase conoscitiva della struttura che consiste nell’ identificazione della geometria, nella comprensione dei dettagli costruttivi e nella caratterizzazione meccanica dei materiali.
Oltre alla presenza di degrado negli elementi strutturali e alla continuità dei percorsi di carico tra gli elementi resistenti, per quanto riguarda la geometria vengono attentamente esaminati i seguenti aspetti: l’identificazione dei sistemi di resistenza in entrambe le direzioni, l’orientamento di solai unidirezionali, la profondità e larghezza di travi, pilastri e muri, la larghezza delle ali nelle travi a T, l’eccentricità possibili tra travi e pilastri.
In riferimento ai dettagli costruttivi è necessario rilevare la quantità di armatura longitudinale e trasversale in travi, pilastri, muri, ed in punti critici come i nodi trave-pilastro, in punti di momento negativo e negli appoggi di elementi orizzontali. In questa fase viene anche rilevata la profondità del copriferro.
Infine, le caratteristiche meccaniche dei materiali da determinare sono:
a) Resistenza del calcestruzzo mediante estrazione di carote e prova di compressione o mediante metodi indiretti;
b) Estrazione di campioni di barra d’armatura e prova di trazione.

Temas S.r.l. - Via Milano, 83 - 64023 Mosciano S.Angelo (TE) - P.IVA. 01742770678 - Tel./Fax. 0859462171 - info@temaslab.it
Cellulari: 3471110274 - 3480552275