Analisi chimica di una malta (UNI 11089 - UNI 11035)

Le formule di calcolo per la stima della qualità e del tenore dei leganti e degli aggregati che compongono la malta, si basano sul contenuto di opportune specie chimiche "traccianti", quali SiO2 solubile, SO3, CO2, ecc., che caratterizzano i vari costituenti merceologici. Tale contenuto è determinato sulla malta in esame con le procedure riportate nelle norme UNI 11088, UNI 11139, UNI 11140. Si calcolano dapprima le stime dei tenori dei costituenti, nel loro attuale stato di idratazione e/o carbonatazione, nella malta in esame. Successivamente, in base a dette stime e agli incrementi specifici di massa dei leganti (in conseguenza della loro idratazione e/o carbonatazione), si risale alla stima del tenore dei costituenti nel loro stato originario, ossia nella miscela secca originaria prima dell’impasto.

Analisi mineralogica di una malta (UNI 11176)

L’analisi è effettuata tramite esame petrografico eseguito al microscopio polarizzatore su una sezione sottile appositamente preparata su una porzione rappresentativa del campione consegnato. Le informazioni che si ricavano sono:
a) caratteristiche dell'aggregato quali granulometria, classazione, orientamento dei granuli, addensamento
b) Composizione mineralogico petrografica dei granuli
c) Descrizione microscopica del legante
d) Caratteristiche porosimetriche della malta.

composizione chimica malta

Aggregato estratto da un campione di malta

analisi mineralogica malta

Sezione sottile di una malta - Nicols incrociati, 20x

Temas S.r.l. - Via Milano, 83 - 64023 Mosciano S.Angelo (TE) - P.IVA. 01742770678 - Tel./Fax. 0859462171 - info@temaslab.it
Cellulari: 3471110274 - 3480552275