Prove con martinetti piatti doppi (ASTM C1197)

Per la determinazione delle caratteristiche di deformabilità vengono utilizzati due martinetti piatti paralleli, i quali delimitano un campione significativo di muratura sul quale viene eseguita in sito una prova di compressione monoassiale in direzione normale al piano di posa. Gli strumenti di misura con base nominale di 300 mm, disposti sulla faccia libera del campione, permettono di ottenere un quadro deformativo completo della porzione del setto murario in direzione assiale e trasversale. Vengono di norma effettuati dei cicli iniziali di carico-scarico (da 1 a 3 cicli) con pressioni crescenti per visualizzare la progressiva plasticizzazione della malta (elemento normalmente più debole).
La prova può fornire anche una stima della resistenza a compressione, valore che nella letteratura tecnica viene spesso associato alla tensione di prima fessurazione rilevata dallo strumento disposto orizzontalmente (quando cioè si notano nel campione di muratura i primi segni di crisi, quali fessurazione degli elementi resistenti e/o dello schiacciamento degli strati di malta). Il collasso del campione, quando raggiungibile, avviene a tensioni superiori per effetto del confinamento laterale.

Esempio di prova con martinetti piatti doppi

martinetto doppio mattoni

Prova su muratura in mattoni pieni

martinetto doppio pietrame

Prova su muratura in pietrame

curva sforzo deformazione

Visualizzazione in tempo reale della curva sforzo-deformazione

Temas S.r.l. - Via Milano, 83 - 64023 Mosciano S.Angelo (TE) - P.IVA. 01742770678 - Tel./Fax. 0859462171 - info@temaslab.it
Cellulari: 3471110274 - 3480552275